La leggenda del tempo perso a creare un’azienda più produttiva

Una delle domande a cui dobbiamo rispondere “sempre” quando presentiamo MyTeam.Guru è la seguente:

Ma non è che il tempo “perso” su questa piattaforma, va a togliere ore di lavoro e ci rimette l’azienda?” ( Provate a dire che non ci avete pensato!?)

Con questo articolo cercheremo brevemente di farmi capire, non solo che non c’è perdità di ore di lavoro, ma che la produttività stessa dell’azienda ne beneficia.

Per fare questo, come prima cosa, calcoliamo quanto tempo, statisticamente viene perso dalle persone di un’azienda a fare cose che farebbero su MyTeam.Guru, se l’avessero:

626 minuti alla settimana, circa due ore al gg ( il 25% del tempo lavorativo)

Come facciamo a dirlo?

1. Lo sapevi che ogni persona della tua azienda spende in media  il 28% della settimana lavorativa leggendo e rispondendo alla posta elettronica?

Il McKinsey Global Institute ha rilevato che un dipendente medio trascorre 13 ore a settimana a leggere e rispondere alle e-mail.

13 ore su 40 a leggere a rispondere alle email?

In media, il 63% delle email comprende comunicazioni interne da dipendente a dipendente, di cui l’11 è strettamente personale. Ipotizziamo che del restante 52% solo un terzo può essere evitato usando MyTeam.Guru sotto forma di Manuali, Articoli, inviti, ricerche e tutto il resto (Noi siamo convinti che si possa arrivare ad altri numeri se veicolato con criterio e passione, ma vogliamo restare conservativi)

Totale del tempo passato dalle mail alla piattaforma:

28,3% di 13 ore : 220 minuti a settimana.

2. Ci vogliono 64 secondi per ritornare a lavorare come prima se interrotti da una e-mail.

      Le interruzioni da e-mail, queste si sono una perdita di produttività. Uno studio del Gruppo Danwood ha rilevato che sono necessari in media 64 secondi per recuperare da un’interruzione da e-mail (indipendentemente dall’importanza dell’e-mail) e tornare al lavoro con lo stesso ritmo di lavoro di prima dell’interruzione.

Con MyTeam.Guru, abbiamo visto sopra, una percentuale di queste interruzioni si inserisce nel flusso della comunicazione aziendale, e visto che la ricerca del The Radicati Group ci dice che in media riceviamo 121 email al giorno, il conto è presto fatto:

28,3% di 121 email: 34 email non lette per un totale di

181 minuti di tempo alla settimana di recupero “recuperato”.

3.Cosa fanno le tue persone con il Social 5 ore a settimana?

Secondo uno studio pubblicato dal NYT e condotto dalla società OfficeTeam, Il dipendente medio dell’ufficio spende circa cinque ore a settimana sul suo cellulare su cose che non hanno nulla a che fare con il lavoro, come rispondere alla posta elettronica personale.

(E chissà come si alzerà questa cifra nei prossimi anni grazie ai millenials)

E ora un bellissimo grafico del PEW RESEARCH CENTER che si potrebbe intitolare: Cosa mai faranno?

Di queste 8 più che valide ragioni, almeno 6 (il 75%) possono tranquillamente ritenersi un’attività normale e coerente di MyTeam.Guru.

Altri 225 minuti a settimana trasformati in un’aumento di produttività.

Ricapitoliamo: Le persone della vostra azienda passano in media almeno 2 ore al giorno a fare cose che non rientrano direttamente nel loro lavoro e che potrebbero fare benissimo e meglio su MyTeam.Guru.

Loro potrebbero fare team building, conoscersi meglio, trovare più velocemente le informazioni, creare una coesione e una cultura aziendale altrimenti persa.

L’azienda avrebbe persone più produttive, più felici e soprattutto coinvolte in quello che fanno e che rappresentano.

Che ne dite, proviamo una demo?

 

Ps: lo sapevi che da Google ogni dipendente deve fare qualcos’altro di diverso dal suo lavoro per bene due ore al giorno? Obbligatoriamente?

FONTI:

 

1 Comment
  • A WordPress Commenter
    Posted at 12:56h, 31 ottobre Rispondi

    Hi, this is a comment.
    To get started with moderating, editing, and deleting comments, please visit the Comments screen in the dashboard.
    Commenter avatars come from Gravatar.

Post A Comment

Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso.